vai al contenuto principale

Sollecitati da alcuni visitatori interessati che ci hanno scritto, riscontriamo che esiste evidentemente confusione sul significato del decreto ministeriale. “Tutti noi” – recita la missiva del nostro lettore – “ci aspettavamo che da questo decreto avessimo il riconoscimento immediato dell’invalidità al 100%, invece riguarda solo la non rivedibilità dei malati che hanno già il 100% con l’accompagno”. E’ così, infatti. Se il Ministero annunciava lo scorso agosto (leggi nostra notizia) un riconoscimento del 100% di invalidità per i malati di SLA, il decreto, firmato dalla Corte dei Conti lo scorso settembre, serve semplicemente ad escludere alcune categorie di patologie dalle visite di controllo di accertamento dello stato invalidante. Esso viene applicato solo a coloro che hanno già l’invalidità totale e l’indennità di accompagno.

Cerca